venerdì 13 marzo 2009

Siamo un popolo di anziani!!!!Iniziamo a modernizzarci.


Siamo veramente messi male. L'Italia come è noto già da tempo risulta essere uno dei paesi con la più bassa usanza di leggere libri, giornali e cartaceo in genere. Una popolazione sempre più teledipendente dal sistema che la regola. Sopratutto dalle assurdità che vengono proposte. Ma non finisce qui, anzi con questo, si apre l'aspetto più triste di tutta questa faccenda. Oltre a essere tra le nazioni con la più bassa libertà di stampa (persino il Burkina Faso e il Burundi ci sorpassano, e siamo appena davanti all'Iran e la Cina), nel 2008 siamo risultati anche quelli che usano internet meno di tutti gli altri paesi europei stando davanti solamente a Romania e Bulgaria che però hanno recuperato il gap dagli anni precedenti e quindi ci stanno già raggiungendo. Con questi chiari di luna c'è poco da essere allegri. Dobbiamo ammetterlo. Siamo un paese con un sistema di comunicazione al collasso. Negli USA, ricordiamo che durante la campagna elettorale per l'elezione del Presidente USA nel 2008 tanti anziani americani hanno fatto uso della rete per dire la loro e questo anche grazie a una politica di ammodernamento della rete che qui in Italia ci possiamo solo sognare. E'anche pur vero che abbiamo un blog quello di Beppe Grillo che è al 7° posto tra quelli più visitati al mondo dietro solamente ai colossi americani della CBS e CNN ma questo non basta di certo, è solo una goccia nell'oceano. Infatti teniamo presente queste cifre incofutabili: nel blog di Grillo mediamente ci vanno circa 100.000 persone al giorno che sono una gran bella cifra ma lontanissime per esempio dai spettatori di un pessimo e abusivo TG4 del buon Emilio Fido che di visite ne fà ben oltre 1 milione, senza considerare le reti ammiraglie Rai1,2,3 e la mediaset con Canale5 a farla da padrona seguita dall'insipida Italia1. Il rinnovamento deve partire da noi, con nuove idee, magari tempestando di mail le istituzioni preposte, e invece siamo lì come babbalei passivi a subire tutte le cazzate delle "veline"(quelle di carta e non quelle di Striscia la notizia") che passano sotto il loro naso, con personaggi di dubbio gusto. Personaggi che poi troviamo anche sulla rete. Social network come Facebook, My Space, Youtube e via dicendo che ospitano anche gruppi che inneggiano a reati violenti. Giusta transazione mediatica trasportata dalla televisione, dove viene scaricata tutta la frustrazione di persone che con la testa non stanno a posto. Ci vogliono gesti concreti e non cazzabubbole. Questo io mi aspetto dalla gente seria. Che qualcuno se ha la testa e non solo io proponga idee propositive e non distruttive. Iniziamo a far diventare la rete quello che dovrebbe essere, un posto di libero scambio alternativo davvero contro il sistem-style che ci vuole tutti allineati e coperti. Stravolgendo le regole facciamo il loro gioco, vogliamo essere davvero tutti zombi alla deriva un domani?

VentodeldesertoXX

2 commenti:

vicky63 ha detto...

Letto tutto e sono perfettamente d'accordo. In pratica però che si dovrebbe fare? Mi viene in mente l'Università per la terza età. Iniziativa lodevole ma sempre diretta agli anziani che stanno bene, fisicamente ed economicamente. Gli altri? A casa come anche nelle case di riposo restano parcheggiati ore davanti alla tv. E' questo il futuro che ci aspetta? Io proporrei un volontariato vero onesto e pulito a partire dal dialogo personale supportato dall'uso quotidiano - un'ora almeno per iniziare - di buona ginnastica mentale multimediale. Con amore e stima, Vicky.

Ventodeldeserto ha detto...

Ottima idea...magari se la scrivi sul forum aprendo una discussione, così potremmo sapere cosa ne pensano gli altri, no? Con rispetto, amore e stima.
Claudio alias ventodeldesertoXX