martedì 7 luglio 2009

La vigilia del G-(B)OTTO

Il bastone e la carota, anche se penso che qui sarà solo e esclusivamente bastone. Si, quello che userà la Polizia per frantumare qualche spalla e quant'altro a chi vorrà democraticamente manifestare contro questo inutile G8 che si terrà domani a l'Aquila. E i numeri ci sono tutti. Ben 15.000 forze in campo, zone intorno a dove si svolgerà l'evento completamente sigillate, bar e ristoranti chiusi d'autorità per evitare qualche increscioso spionaggio simil Villa Grazioli, e moderna attrezzatura da guerra: elicotteri d'attacco con sistema D-Atks anti hackeraggio sui ponti radio e visuale tridimensionale targata by Varese che invierà informazioni ai comandi delle forze dell'ordine a Roma. Mancavano solamente i bazooka con doppio avvitamento automatico e si poteva anche fare una ficton dal titolo:"Afghaniraq 2".
Con una città già devastata di per sè stessa dal 6 aprile scorso dal terremoto, con i suoi cittadini inferociti, compresi chi lavora nelle campagne che per l'occasione non potrà portare neanche a pascolare le pecore , con la gente del posto messa ad infornare come biscotti o torte dentro le tendopoli che devono chiedere il permesso per andare a trovare i parenti che si trovano 2 tende più in là. Un centro storico spettrale pieno ancora di macerie. No problem, valenti poliziotti sono stati messi a protezione delle stesse per evitare che qualche no-global le rubi.
Con uno scenario da guerra e con queste premesse si apre questo summit che è solo pubblicità per il premier, per sponsorizzare monumenti, capitelli,cornicioni da far pagare ai facoltosi paesi che solcheranno l'Aquila.
Non mi voglio addentrare su quello che succederà, perchè gli esiti sono più pericolosi di Genova 2001 dove sappiamo bene come è andata a finire. Ma mi piace segnalare (perchè nessun altro lo ha fatto fin'ora) che i stessi poliziotti saranno costretti a ruotare nei turni di servizio. Infatti una circolare ministeriale vieta l'uso delle ore straordinarie ovvero semplicemente quelle ore da effettuarsi oltre il normale servizio. La parola d'ordine è: G8, lavorate poco.Non c'è un euro.Limitate gli straordinari con agenti che su 6 ore di turno normale ne dovranno fare 4 per i vari trasferimenti da un posto all'altro (fonte italia oggi).
E con tutti questi chiari di luna, dove credete che si andrà a parare? Sicuramente nel fondoschiena di qualche dimostrante. Prevenire è meglio che curare. Infatti 21 persone appartenenti al gruppo studentesco "L'onda" che per la magistratura di Torino si erano resi responsabili delle devastazioni a maggio nel G8 universitario, sono stati arrestati dopo 1 mese e mezzo e guarda il caso all' immediata vigilia del G8 vero e proprio, di cui uno arrestato e sbattuto in carcere che è stato prelevato da una delle tante tendopoli che costituiscono al momento la citta de L'Aquila. Ecco. Segnali, premesse. Staremo a vedere, ma un senso di schifo e disgusto mi assale come non mai.Buon G8 a tutti loro. A meno che madre natura ovvero il Sig.Terremoto non si faccia sentire, incazzandosi.
Claudio Articoloventuno.

2 commenti:

PRONTO ha detto...

Pienamente d'accordo con te Claudio..
e uno schifo..lo spiegamento e inammissibile..pensa che domani ci sara anche 80 agenti dei NOCS in più.
Si vede che non bastava le forze impiegate per fare..fare una bella figura al nostro amatissimo premier.
Claudio ti giuro ne ho pieno i coglioni..e dire che tutto questo per per nulla.A presto Leo

vicky63 ha detto...

Sono contenta di leggere un post così dettagliato. Tutti quelli che vivono gli eventi - di qualsiasi tipo - dovrebbero avere il coraggio di esporsi per far capire le cose. Non ci sono scuse poi...
In più, visto che non compare il nome di quello, ho da proporti: non scriviamo più di lui, chiedo un periodo di oscuramento e di dialoghi su argomenti positivi.
Ti stimo e ti amo.
Vicky.